opm

Disabilità e cooperazione internazionale in Tunisia

In Cooperazione Internazionale by Armadilla

E’ stato pubblicato il Quaderno n. 10 di Armadilla che affronta il tema “Disabilità e cooperazione internazionale in Tunisia.

Il testo completo lo potete leggere nel sito :

http://armadilla.coop/wp-content/uploads/2015/02/Quaderno-Armadilla-n-10_2017_Disabilit%C3%A0_cooperazione_internazionale_Tunisia.pdf 

Nonostante la Tunisia abbia firmato nel 2007 la Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti delle Persone con Disabilità, sembra esserci ancora un distacco rilevante tra la legge e le pratiche comuni.

L’Istituto Nazionale di Statistica, in collaborazione con il Ministero degli Affari Sociali e con il supporto dell’UNICEF, sta organizzando un sistema scientifico di raccolta di dati statistici per analizzare meglio le condizioni delle persone con disabilità in Tunisia.

Il numero di persone con disabilità  che hanno un riconoscimento formale dal Ministero degli Affari Sociali (Bénéficiaires de cartes de handicapés) sono 208.465, confermato da uno studio fatto da Handicap International che rileva che le persone con disabilità in Tunisia sono circa il 2% della popolazione (circa 210 mila persone),  vivono, nella maggior parte, in situazioni di povertà ed hanno scarso accesso a educazione, lavoro, vita sociale e politica.

Una ricerca fatta dal Ministero degli Affari Sociali tunisino sulla situazione dei minori con disabilità riporta che i maschi  sono il 59 % del totale. Problematica la situazione che riguarda l’educazione inclusiva. Permangono barriere fisiche che impediscono l’accessibilità a locali pubblici,  scolastici e ricreativi, da parte dei minori con disabilità motorie. Ancor più critica la situazione che riguarda l’inclusione didattica: l’84 % degli studenti con disabilità non beneficia di un progetto educativo personalizzato. Il 90,8 % degli insegnanti ed educatori hanno dichiarato che non hanno materiali didattici e formativi adeguati alle persone con disabilità. Solo il 50 % ha la possibilità di una persona di supporto. Scarsa la conoscenza e la consapevolezza sui diritti e le opportunità da garantire alle persone con disabilità da parte delle comunità locali.

Negli  Accordi Bilaterali tra l’Italia e la Tunisia si è approvata una iniziativa biennale (AID 10419 – Progetto di sostegno all’attuazione della convenzione ONU per i diritti delle persone con disabilità – Budget di € 1.255.940,00)  da realizzare in cooperazione con il Ministero degli Affari Sociali della Repubblica tunisina.

Il Progetto intende contribuire alla promozione dei diritti umani delle persone con disabilità della Tunisia nel rispetto degli standard internazionali ed in particolare dei principi sottoscritti con la Convenzione ONU per le persone con disabilità.

La strategia d’intervento è basata su un approccio partecipativo e sul miglioramento delle conoscenze e delle competenze delle risorse umane (istituzionali e della società civile) che operano in favore delle persone con disabilità.

Il Progetto si focalizzerà su:

  • l’assistenza all’elaborazione del Piano d’Azione Nazionale sulla disabilità;
  • il miglioramento e lo sviluppo delle capacità in materia di presa in carico a domicilio delle persone disabili e il miglioramento dell’accessibilità dei servizi sociali territoriali del MAS;
  • il rafforzamento delle capacità di raccolta e analisi dei dati a livello centrale e locale.

Sono previste sostanzialmente attività di assistenza tecnica, formazione, informazione e sensibilizzazione rivolte sia alle istituzioni che alla società civile. Il progetto prevede inoltre risorse per la realizzazione di piccoli lavori di riadattamento infrastrutturale per il miglioramento dell’accessibilità nonché per l’acquisto di piccole apparecchiature destinate alla presa in carico a domicilio.

L’equipe di programmazione di Armadilla ha elaborato una proposta di progetto dal titolo “Rafforzamento dei servizi territoriali della regione di Tunisi in favore di bambini, giovani e adulti con disabilità” che si  prevede avviare nei primi mesi del 2018.

Partner locali del progetto sono la Union Tunisienne pour l’Aide des personnes Insuffisantes Mentales – UTAIM e la  Association Générale des Insuffisants Moteurs – AGIM, che sono tra le maggiori associazioni che offrono nel paese servizi di assistenza, educazione e riabilitazione a bambini, giovani e adulti con disabilità motorie e mentali, promuovendo lo sviluppo delle loro capacità personali, l’autonomia individuale e l’inclusione nella vita sociale e professionale.

L’obiettivo del progetto è quello di rafforzare i servizi territoriali della regione di Tunisi nell’applicazione di un approccio inclusivo in favore di  bambini, giovani e adulti con disabilità motoria e cognitiva.

I risultati attesi sono :

  1. Aver supportato i programmi educativi rivolti ai bambini e ai giovani con disabilità e l’integrazione tra educazione speciale ed educazione ordinaria.
  2. Aver migliorato i servizi di riabilitazione motoria e cognitiva offerti dai centri UTAIM e AGIM (partner locali dell’iniziativa) della regione di Tunisi.
  3. Aver sensibilizzato l’opinione pubblica sul tema della disabilità e della inclusione delle persone disabili.