Libano, Seminario per le giovani di Chatila con Armadilla e Open Group di Bologna

In Siria e Libano News, Cooperazione Internazionale by Armadilla

Dal 23 al 26 marzo, in collaborazione con Armadilla Onlus, si è svolta una missione a Beirut di due esperti del Programma Giovani della Cooperativa Sociale OPEN Group di Bologna, con l’obiettivo di avviare un percorso di scambio e collaborazione in ambito educativo con l’Associazione locale Najdeh, la cui mission è quella di favorire l’uguaglianza sociale, educativa, politica ed economica dei rifugiati palestinesi in Libano.

Il Programma Educativo e Psicosociale realizzato da Najdeh è volto a rafforzare le capacità psicologiche, sociali, educative e di apprendimento di bambini, adolescenti e giovani di età compresa tra i 6 e i 24 anni.

L’adolescenza è una fase cruciale nel percorso evolutivo, periodo di transizione tra l’infanzia e l’età adulta, in cui si sperimentano cambiamenti fisici e psicologici, emerge il senso di indipendenza dalla famiglia, ci si apre a nuove forme di socializzazione, si sviluppano capacità critiche e cognitive. Rispetto a questo tipo di sviluppo, l’educazione ha l’impegno di guidare adeguatamente gli adolescenti verso la costruzione della propria identità e la consapevolezza di se stessi e delle proprie potenzialità.

“Sfide e opportunità nel lavoro con gli adolescenti” è il titolo del seminario di formazione tenuto dalla Dr.ssa Claudia Iormetti e dalla Dr.ssa Ilaria Capucci a 25 “youth workers” dell’Associazione Najdeh, tra cui coordinatrici, operatrici sociali, animatrici impegnate nei Centri Najdeh dislocati nei 12 campi palestinesi presenti in Libano.

L’obiettivo del seminario è stato quello di approfondire e scambiare le conoscenze sul tema dell’adolescenza e proporre nuovi strumenti di lavoro che favoriscano l’ideazione, insieme agli adolescenti, di iniziative e progetti che si rivolgano a loro.

Quegli stessi strumenti sono stati utilizzati dalle partecipanti al corso, perché promuovere l’espressione e il rafforzamento delle capacità creative degli operatori è molto importante per accompagnare i giovani nello sviluppo delle proprie potenzialità. E così, l’immaginare, il disegnare, il colorare, il giocare, sono stati tra gli elementi costitutivi del workshop attraverso i quali è passata la conoscenza, il dialogo e la consapevolezza del proprio ruolo di “youth worker”.

La realtà dei campi palestinesi non è quella che gli adolescenti sognano di vivere e la paura che vengano delusi nelle loro aspettative è molto avvertita tra gli operatori. Ma la fiducia nelle loro capacità e l’offerta di una guida incondizionata non deve venire mai meno, perché “noi siamo quelli che abbiamo il compito di fare da scaletta agli adolescenti – dice Claudia Iormetti – :ci sono muri al di là dei quali noi non riusciamo a vedere, ma possiamo far salire i ragazzi sulle nostre mani affinché loro possano arrivare a vedere cosa c’è oltre.”

Il coinvolgimento delle operatrici di Najdeh è stato straordinario, così come l’entusiasmo nell’applicazione di nuovi strumenti che subito hanno cambiato il loro modo di vedere e approcciarsi agli adolescenti:  “Oggi finalmente vedo che stanno guardando agli adolescenti con occhi diversi – dice Intisar Abu Salem, Coordinatrice del Programma Educativo e Psicosociale di Najdeh – e scoprendo che non ci sono solo complessità ma anche tante opportunità e risorse da far emergere.”

Armadilla e OPEN seguiranno lo staff dell’Associazione Najdeh nell’applicazione dei nuovi strumenti alle attività con gli adolescenti, e sulla base dei risultati emersi, si terrà un secondo workshop nel mese di giugno con l’obiettivo di elaborare congiuntamente una proposta di progetto che includa la realizzazione di iniziative rivolte agli adolescenti, nel quadro di un intervento strutturato di rafforzamento delle competenze educative degli operatori locali.

La collaborazione tra OPEN Group e l’Associazione Najdeh si inserisce nel più ampio programma di cooperazione territoriale tra le entità istituzionali e della società civile del Comune di Bologna e gli attori siriani e libanesi coinvolti nelle attività di Armadilla in Medio Oriente.