Seminario per la pace in Medio Oriente a Bologna il 23 gennaio

In Cooperazione Internazionale by Vincenzo Pira

Molte cose sono cambiate dal 2000, anno di lancio degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio e la comunità internazionale ha assunto nuovi impegni riassunti nell’Agenda 2030. Il dibattito internazionale su come raggiungere i 17 Obiettivi Sostenibili e le 169 mete connesse è in pieno svolgimento e, nel suo piccolo, Armadilla vuole dare un  contributo a questo processo.

Contribuire con i partner istituzionali e della società civile a costituire un “Sistema Italia” che sia operi con efficacia nel contesto internazionale e locale.

Nella nostra area di intervento, da sempre si sottolinea l’importanza di fare sistema, di promuovere consortilità, coordinamenti, alleanze per favorire sinergie e ottenere un miglior impatto nelle attività di cooperazione internazionale.

La frammentarietà e la dispersione delle risorse sono da sempre indicati come uno dei punti carenti delle organizzazioni che si occupano di politiche di questo settore.

Il primo soggetto da considerare sono gli enti locali nell’ambito della cooperazione per la promozione di partenariati territoriali.

I livelli di governo locale, Regioni e Comuni, sono quelli che ogni giorno affrontano i problemi dell’attuazione e dello sviluppo dei diritti dei cittadini, della inclusione sociale dei più deboli, della integrazione delle minoranze etniche e degli immigrati, della valorizzazione economica e culturale del territorio.

Su questa base, il ruolo specifico delle Regioni e degli Enti locali consiste nella loro capacità di raccordare i soggetti attivi del proprio territorio (associazioni, piccole e medie imprese; cooperative, imprese sociali; università ed istituti di formazione, ricerca e informazione; scuole ; istituti di credito; enti per il commercio; municipalizzate e pubblici servizi; sindacati ed associazioni di categoria; comunità di immigrati; ecc.).

Individuare, quindi, tali realtà già strutturate e operanti sul territorio  con cui avviare d accordi su concrete ipotesi progettuali di reciproco interesse.

Armadilla intende, per raggiungere tale obiettivo, farsi promotrice di un attivo coinvolgimento coordinato delle diverse entità con cui interloquisce per valorizzare al meglio le sinergie che nascono dalla sua capillare presenza sul territorio, attraverso l’azione svolta dalle Ambasciate locali, dalle Unità tecniche di cooperazione, dalla presenza delle diverse entità operative nelle attività internazionali .

Per concretizzare ciò si è realizzato un primo seminario a Beirut per promuovere partenariati territoriali tra entità siriane, libanesi e italiane.

Il comune di Bologna e diverse realtà emiliane si sono coinvolte attivamente e tale processo verrà presentato  in un evento dal titolo  “Bologna per la pace in Medio Oriente  il ruolo del Sistema Italia –  che si terrà il 23 gennaio 2017, dalle ore 14.30 nell’ Aula Magna Dipartimento di Scienze dell’Educazione Università di Bologna, via Filippo Re 6.

Parteciperanno :  Gianluca Buono, UNICEF Chief, Field Operations and Coordination Syria Country Office –   Marco Carnelos  Ambasciatore d’Italia in Iraq  –  Luigi Guerra, Direttore Dipartimento di Scienze dell’Educazione Università di Bologna  –  Matteo Lepore, Assessore Economia e Relazioni internazionali Comune di Bologna – Marco Pasquini, UNDP Lebanon Focal Point Italia –  Nicola Pedde, Direttore Institute of Global Studies –  Vincenzo Pira, Vicepresidente Armadilla scs Onlus.