Siria : l’editrice N’ur e Armadilla trasformano poesie in solidarietà

In progetti in partnership by Armadilla

Poesia e Solidarietà – Tessidores e Armadilla Onlus

L’editrice N’ur  pubblica un libro bilingue (in sardo e in italiano)  di poesie. I proventi della vendita  “Dae s’anima” di Vincenzo Pira – quinto volume della collana dei Tessidores – sono destinati a finanziare un progetto di solidarietà a Damasco, in Siria.

Nella capitale siriana martoriata dalla guerra la Cooperativa Armadilla onlus – di cui Vincenzo Pira è vicepresidente – è presente con un progetto di cooperazione e di solidarietà nei confronti delle famiglie che vivono nel centro della città.  http://armadilla.coop  

Grazie al supporto dell’Otto per mille della Chiesa Valdese(http://www.ottopermillevaldese.org ) più di 1.000 famiglie ricevono da tre anni – attraverso gli operatori e cooperanti di Armadilla onlus – sia un’ assistenza materiale che una protezione.

Nella città ancora devastata dalla guerra continuano ad emergere nuovi bisogni e improrogabili urgenze.

Le giovani generazioni hanno perso il diritto ad essere istruiti in quanto il sistema scolastico è stato quasi totalmente distrutto.

Migliaia i nuovi invalidi hanno bisogno di cure, di supporto psicologico di protesi.

L’esistenza di un sistema aggregativo comunitario di riferimento – quale il Nuovo Centro ZAM di Midan – è un elemento cruciale nella promozione di un processo di ricostruzione di relazioni di pace.

Ma oltre alla Tavola Valdese anche le agenzie dell’ONU e la cooperazione italiana sono presenti in questo programma che si realizza a Damasco.

SIRIA

Armadilla ha coinvolto diversi soggetti italiani che stanno contribuendo a creare speranze di pace in questa martoriata terra.

Con il coordinamento dell’agenzia delle Nazioni Unite per lo Sviluppo – UNDP – si sta promuovendo, insieme all’Ente di Cooperazione Italiana, un programma che coinvolge diversi attori: regioni, comuni, ONG, cooperative, imprese.

Un tentativo per fare sistema e per operare con maggiore efficacia.

Tra queste entità un ruolo importante lo svolge la Regione Emilia Romagna che ha coinvolto la Fondazione ASPHI di Bologna (http://www.asphi.it ) e il suo progetto“Click4all” (http://www.click4all.com/ ).

Il progetto nasce con l’ambizione di costruire un mondo digitale per tutti, soprattutto per minori disabili che sono i più esclusi da una condivisa vita comunitaria.

Il Centro Zam, Armadilla e la Fondazione ASPHI hanno portato Click4all a Damasco.

Le ragazze siriane hanno assunto la sfida di adattare il kit informatico – “ludico”,“creativo”, “riabilitativo” – personalizzandolo alle esigenze dei loro fratelli disabili e con le povere risorse che la situazione locale offre.

Le donne della sartoria del Centro ZAM hanno pensato, disegnato e costruito nuovi giochi accessibili con il kit Click4all Educational.

L’ultima invenzione è un pesciolino di stoffa da collegare al computer.

L’occhio e la coda sono interattivi e si muovono quando il bambino li sfiora,

Click4all attiva l’interazione e il pesciolino reagisce ai comandi come se fossero dati dalla tastiera di un computer.

Un modo per coinvolgere i bambini disabili che imparano velocemente che, se si tocca l’occhio, il pesciolino sullo schermo fa una capriola e strabuzza gli occhi; oppure, se tira la pinna del pesciolino che ha tra le mani, il pesciolino sullo schermo cambia la direzione… e così via se tocca la coda o altre parti del corpo… il pesciolino sullo schermo la perde con gran risate.

Un gioco molto simbolico che racconta come sia possibile osservare con un sorriso anche la perdita di parti del corpo e della comunità.

Tutte le attività di formazione alle nuove tecnologie di questo programma che Armadilla e ASPHI stanno realizzando a Damasco, stanno ampliando le opportunità di intervento anche per costruire tutte le protesi con l’ausilio della progettazione informatica e le stampanti tridimensionali.

Nuove opportunità per il sistema di cooperazione dell’Italia di continuare a costruire progetti in difesa dei diritti umani in terre che ancora mantengono viva la speranza di poter tornare a vivere in pace.

L’invito di Armadilla Onlus e dei Tessidores – rivolto a tutti i loro amici –  è l’invito a trasformare anche in azioni concrete di solidarietà le nostre poetiche tessiture.

Anche tu puoi contribuire

Il libro si può  richiedere in via Botero 16 a Roma (info@armadilla.coop – tel 06 97619575)

Tutti i proventi della vendita di questo libro andranno a progetti in Siria.

Armadilla è una cooperativa sociale Onlus in accordo alla legge 662 /96 Art. 3 Comma 186, 187, 188, 189. Le donazioni verranno utilizzate unicamente per i progetti di cooperazione e aiuti umanitari.

Per le vostre donazioni tramite Banca ecco le coordinate bancarie:

Credito Valtellinese sede centrale di Roma

IBAN:   IT17E0521603229000000011000

Inoltre

Potete anche destinare il 5 X Mille indicando nell’apposito riquadro della Dichiarazione dei redditi (Modulo CUD, UNICO O 730) il codice fiscale di Armadilla che il seguente:06799470585

Si ricorda infine che la donazione dà diritto ai benefici fiscali richiedendo la Dichiarazione che vi permetterà di dedurre o detrarre l’importo donato.

Grazie!

 

COPERTINA-DAE-SANIMA1