SIRIA: È STALLO FRA LE PARTI IN CONFLITTO E NELLA DIPLOMAZIA

In Siria e Libano News, Senza categoria by Armadilla

warsiriaUno stallo, è così che il vicepremier siriano Quadri Jamil ha definito lo stato della guerra nel proprio paese. Né l’esercito regolare, né i ribelli sembrano in grado di prendere il controllo delle operazioni o di avere la meglio sull’avversario. Questo mentre le diplomazie sono al lavoro per cercare di sbloccare la situazione. Il ministro degli esteri Lavrov difende la posizione di Mosca al fianco del regime di Damasco. Da Washington invece il segretario di Stato John Kerry si augura che le Nazioni Unite decidano il da farsi gia la prossima settimana

“Il consiglio di sicurezza dell’ONU deve agire. La comunità internazionale deve dare una risposta che sia la più ferma possibile circa l’importanza di un’azione che liberi il mondo dalle armi chimiche della Siria”, ha detto Kerry.

Difficile che il muro contro muro possa portare risultati. Finora i ripetuti incontri al palazzo di vetro di New York fra gli ambasciatori alle Nazioni Unite dei paesi permanenti del Consiglio di Sicurezza non hanno prodotto risultati, aldilà di ferme, quanto singole dichiarazioni di circostanza.